Il protocollo PPPoE è uno dei mezzi preferiti per fornire accesso a Internet. Offre funzionalità di rete essenziali, fruibili da un’ampia platea di fruitori. Ecco cos’è e quali vantaggi offre


PPPoE è un protocollo di rete ampiamente utilizzato dagli Internet Service Provider (ISP) per fornire servizi Internet ad alta velocità DSL (Digital Subscriber Line). Si tratta di un protocollo che facilita la comunicazione tra gli endpoint di rete, come desktop, laptop, tablet, smartphone, server e dispositivi IoT, consentendo una connessione punto-punto nell’architettura normalmente multipunto di Ethernet.

Utilizza metodi standard di crittografia, autenticazione e compressione; con esso i provider possono gestire più sistemi client, autenticare il loro accesso ai servizi e tenere traccia dell’utilizzo dei dati dei clienti.

Serverless CTA

Può fornire diversi vantaggi: uno dei più importanti è che protegge i dati in uscita dalla connessione Internet. Tramite PPPoE essi vengono crittografati, rendendo più difficile la loro intercettazione. Inoltre, può supportare più utenti sulla stessa connessione fisica.

Cos’è il protocollo PPPoE

Point-to-Point Protocol over Ethernet: questo è il significato dell’acronimo PPPoE. Si tratta di un protocollo di rete che permette di incapsulare frame PPP all’interno di frame Ethernet.

Gli ISP utilizzano PPPoE per fornire servizi Internet ai clienti tramite connessioni a banda larga. I provider possono connettere diversi host su una singola LAN Ethernet a un sito remoto tramite cavo DCL o modem. I singoli utenti possono anche utilizzare PPPoE per proteggere la propria rete.

PPPoE è stato sviluppato da UUNET, Redback Networks e RouterWare (internet service provider e società di servizi dedicati) per risolvere i limiti di PPP e fornire una soluzione per le organizzazioni che si affidavano a apparecchiature comuni presso la sede del cliente per supportare ambienti multihost.

PPPoE e PPP: le differenze?

Point To Point Protocol e Point To Point Protocol over Ethernet sono protocolli di rete che consentono la comunicazione di dati tra due entità o punti di rete. Il primo è stato proposto per la prima volta dall’Internet Engineering Task Force nel 1989 ed è diventato uno standard funzionante nel 1994. Si tratta di un protocollo ampiamente utilizzato dagli ISP per abilitare le connessioni dial-up a Internet. PPP facilita la trasmissione di pacchetti di dati tra collegamenti punto a punto. Originariamente progettato per funzionare con connessioni seriali, è stato adottato dagli ISP per fornire accesso a Internet dial-up.

Serverless CTA

Nella documentazione di entrambi i protocolli, i punti vengono indicati come nodi, computer o host. I protocolli sono simili nel design con una grande differenza: PPPoE è incapsulato in frame Ethernet. Espande le capacità originali di PPP consentendo una connessione punto a punto virtuale su un’architettura di rete Ethernet multipunto.

La somiglianza tra PPPoE e PPP ha portato all’adozione diffusa di PPPoE come protocollo preferito per l’implementazione dell’accesso a Internet ad alta velocità. I fornitori di servizi possono utilizzare lo stesso server di autenticazione per entrambe le sessioni PPP e PPPoE, con conseguente risparmio sui costi. PPPoE utilizza metodi standard di crittografia, autenticazione e compressione specificati da PPP.

Come si configura e struttura il PPPoE

PPPoE è un protocollo di rete che gestisce il modo in cui i dati viaggiano su una rete. Nella maggior parte dei casi, si riferisce al collegamento tra il router all’interno dell’abitazione di un cliente e l’accesso a Internet da parte dell’Internet Service Provider.

Viene utilizzato per collegare un pc o un router a un modem tramite un collegamento Ethernet e può essere utilizzato anche nell’accesso a Internet tramite DSL su una linea telefonica. La natura specifica di PPPoE fa sì che i dati richiesti e inviati a Internet possono essere compressi. Ciò consente un maggiore traffico tra il fruitore e Internet per la stessa larghezza di banda, velocizzando la sua connessione.

Connessione dati in sicurezza con crittografia e compressione del dato

Per comprendere meglio le caratteristiche e i vantaggi offerti da PPPoE è necessario capire come funziona la connessione del “protocollo punto a punto operante su Ethernet”. Dato che una miriade di utenti condivide la stessa connessione fisica al BRAS (Broadband Remote Access Server) che instrada il traffico da e verso i dispositivi di accesso remoto a banda larga su una rete ISP, PPPoE può tenere traccia di quale utente deve essere indirizzato e quale utente deve essere fatturato.

Il processo di lavoro PPPoE comprende due fasi principali: di rilevamento e di sessione. Nella prima, il client PPPoE identifica l’indirizzo Ethernet locale e stabilisce un ID di sessione. E gli host individuano più server PPPoE e quindi consentono all’utente di sceglierne uno.

Completata correttamente la prima, nella fase di sessione sia l’host che il server selezionato dispongono di informazioni sulla loro connessione PPP tramite Ethernet. Quindi PPPoE consente il trasferimento dei dati tramite il collegamento PPP all’interno delle intestazioni Point-to-Point Protocol over Ethernet. Così, viene stabilita una sessione tra un singolo utente e il sito remoto, che può essere monitorato.

PPPoE vs DHCP

DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) è un protocollo di rete client/server standardizzato che assegna dinamicamente gli indirizzi IP e altre informazioni di configurazione correlate ai dispositivi di rete. Ogni dispositivo di una rete TCP/IP dovrebbe avere un indirizzo IP univoco per accedere alla rete. Quindi, senza la configurazione DHCP, gli amministratori di rete devono configurare manualmente gli indirizzi IP se desiderano aggiungere nuovi computer o spostare computer da una sottorete all’altra. Di solito, un’architettura DHCP è composta da client DHCP, server DHCP e agenti di inoltro DHCP (spesso un router o uno switch con DHCP).

Le differenze tra PPPoE e DHCP sono almeno due. La prima: PPPoE deve essere configurato correttamente prima che un utente possa connettersi a Internet. DHCP non ha bisogno di essere configurato ed è fondamentalmente plug and play. Pertanto, l’utilizzo di DHCP per connettersi a un ISP elimina i problemi associati a PPPoE. Proprio come i computer su una rete, non è necessario configurare il computer in anticipo. Lascia semplicemente tutto in automatico e la configurazione ai server ISP. La seconda: DHCP non necessita di autenticazione e l’IP rimarrà sconosciuto all’utente quando si accende la rete. Occorre solo aspettare che il server DHCP assegni casualmente un IP da tutti gli indirizzi IP di Internet. Tuttavia, Point-to-Point Protocol over Ethernet richiede prima l’autenticazione. Solo quando la password dell’account è corretta, verrà assegnato un IP valido.

PPPoE ha una finalità sostanzialmente differente rispetto a DHCP. Il primo facilita le comunicazioni PPP autenticate su una rete Ethernet, mentre il secondo alloca dinamicamente gli indirizzi IP senza richiedere l’autenticazione.

Vantaggi

Il protocollo PPPoE consente di contare su connessioni molto sicure. Grazie a esso è possibile proteggere ogni singola connessione con un login dedicato.

Point-to-Point Protocol over Ethernet offre numerosi vantaggi per la sicurezza e la velocità con le sue routine di autenticazione, compressione e crittografia. Per esempio, la compressione dei dati inviati su Internet potrebbe consentire più traffico. Pertanto, potrebbe velocizzare le connessioni. Per avviare connessioni PPPoE, gli utenti avranno bisogno di nomi utente e password univoci, oltre a modem o router compatibili con essi.

PPPoE è ampiamente implementato dai provider che offrono servizi DSL (Digital Subscriber Line). I provider che lo utilizzano possono connettere più host su una singola rete locale Ethernet a un sito remoto tramite un dispositivo comune come un cavo o un modem DSL. Il protocollo può anche supportare connessioni wireless a Internet.

Uno dei più importanti vantaggi di una configurazione PPPoE è che è facile da configurare. Supporta anche più computer su una rete locale (LAN).

CTA risorsa replatforming